LE SOLDATESSE IN GRIGIOVERDE

Con il Memoriale di Piera Gatteschi Fondelli, Generale delle ausiliarie della RSI

15,00

Autore:
Luciano Garibaldi

Collana:
Sempreverdi

Pagine:
186

Anno:
2021

descrizione del libro.

I più famosi storici che hanno dedicato le loro fatiche allo studio della Repubblica Sociale Italiana hanno stranamente omesso di parlare delle Ausiliarie.
Esse – in numero di circa seimila – furono vere e proprie soldatesse volontarie, inquadrate nell’esercito della RSI con tanto di divise, mostrine e gradi. Non uccisero mai, anche perché avevano il divieto di portare le armi. In compenso furono uccise, violentate o torturate, spesso anche a guerra terminata.
Il presente testo – già noto al grande pubblico e adesso ristampato in una nuova veste – colma questa lacuna.
A parlare, nel suo memoriale inedito, è Piera Gatteschi Fondelli (1902-1985), comandante del Servizio Ausiliario Femminile e unico generale donna della storia d’Italia. Partecipò alla Marcia su Roma alla testa di venti ragazze squadriste; divenne ispettrice nazionale del PNF, ricoprendo la massima carica femminile del partito fascista; Benito Mussolini in persona la chiamò a dirigere il SAF, affidandole migliaia di volontarie. Salvatasi avventurosamente nel crollo del Fascismo, rimase vedova e visse una vita tranquilla e ritirata. Tra il 1984 e il 1985, prima di morire, dettò le sue memorie al giornalista e storico Luciano Garibaldi.

Ciò che si trova racchiuso in queste pagine – senza dubbio – è un documento di inestimabile valore, che restituisce al dibattito storico le testimonianze e l’esempio di queste giovani eroine in grigioverde.

1
    1
    Il tuo carrello
    LA SFIDA ALLE STELLE
    1 X 10,00 = 10,00