fbpx

Michele Lamanna

Classe 1991, è nato e cresciuto tra le montagne dell’Appennino – a cavallo tra Emilia e Toscana – dove apprende l’amore per i boschi, per le vette e per la vita a contatto con l’essenzialità.
In perenne contrasto con la hybris del mondo moderno, come il Waldgänger di Jünger e il Walden di Thoreau, è costantemente in bilico tra il bisogno di comunità e l’ascetismo.
Laureato in “Antropologia, religioni e civiltà orientali” presso l’Università di Bologna, è interessato da sempre alle alterità, alle forme e alle pratiche sociali della storia dell’uomo, in linea con un pensiero non conforme che contesta il meccanismo omologante e individualizzante dell’epoca presente.
Si dedica – nell’ultima parte dei suoi studi – alla relazione che intercorre tra il singolo e la società, alla riscoperta dell’identità come punto focale dell’Homo Faber che plasma il reale.
Lo animano la volontà di raccontare le differenze proprie di ogni società e delle sue manifestazioni, oltre alla necessità di riscoprire il valore di tutto ciò che accade e che non è catalogabile dal Moloch del pensiero unico dominante.

Visualizzazione del risultato

0
    0
    Il tuo carrello
    Il tuo carrello è vuotoTorna al catalogo